ZONE VULNERABILI AI NITRATI: cambia il calendario invernale degli spandimenti

La buona gestione delle tecniche agronomiche permette un’efficace tutela delle risorse idriche, sia sotterranee che di superficie. Nella stagione autunnale, particolare attenzione deve essere posta nel gestire correttamente le distribuzioni in campo degli effluenti di allevamento. Fino all’anno scorso, in attuazione della Direttiva Nitrati era prevista la sospensione degli spandimenti secondo un calendario fisso. Accogliendo le richieste avanzate dal mondo agricolo di una maggiore flessibilità dei calendari in funzione dell’andamento meteorologico autunnale, e recependo le novità introdotte a maggio dal nuovo Decreto Effluenti, da quest’anno nelle Zone Vulnerabili ai Nitrati cambia la modalità di gestione del calendario invernale degli spandimenti.
Per gli effluenti zootecnici distribuiti sul suolo dotato di copertura vegetale o residui colturali, vigeva per 90 giorni una sospensione fissa (dal 15 novembre al 15 febbraio).
Da quest’anno la sospensione fissa dura solo 60 giorni, dal 1 dicembre al 31 gennaio compresi; gli ulteriori 30 giorni di sospensione sono definiti dalla Regione Piemonte a partire da novembre con un bollettino, pubblicato sul sito web regionale, che dà semaforo rosso o verde allo spandimento per i giorni successivi. Ci sarà un bollettino per ciascun grande areale designato Zona Vulnerabile (es. altopiano di Poirino, Cuneese, Torinese, Alessandrino, ecc), per permettere una buona rispondenza alle condizioni meteorologiche.
Il bollettino viene redatto dal Settore Fitosanitario regionale, in collaborazione con DiSaFa dell’Università di Torino e IPLA, a partire dal 15 novembre 2016, alla pagina web sottostante. Restano gestiti con il consueto calendario gli spandimenti invernali di effluenti zootecnici distribuiti su suolo nudo, digestati, letami e compost distribuiti in ZVN, nonchè le distribuzioni  fuori ZVN.

Per maggiori informazioni: www.regione.piemonte.it/agri/politiche_agricole/dirett_nitrati/index.htm